venerdì 10 gennaio 2014

Fiction, pura fiction

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/01/09/piazza-fontana-gli-anni-spezzati-e-la-riscrittura-televisiva-della-storia/837087/

Piazza Fontana, ‘Gli anni spezzati’ e la riscrittura televisiva della storia

La Rai si dovrebbe vergognare di produrre sceneggiati come quello andato in onda il 7 e l'8 gennaio su Rai1, talmente horrorifico, che non ho potuto fare a meno di guardarlo fino alla fine.


 

Una tragica storia trattata superficialmente, senza una visione politica, mal sceneggiata e mal recitata, da un Solfrizzi (Calabresi)
meno espressivo di un pupazzo di neve, e in cui il  commissario è descritto come un uomo pieno di dubbi, pacato e pensieroso.
A questo proposito mi piacerebbe sapere cosa ne pensa il figlio, Mario Calabresi. 



Condividi e VOTA questo articolo

condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews

14 commenti:

  1. La rai sta sfornando schifion a gogò, su questo o su quell'altro personaggio realmente esistito: tutte tremendamente romanzate, tutte recitate col buco del culo, nessuna che davvero racconti la vita reale del personaggio. Ma che la piantino di sprecare così i soldi dei contribuenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei sapere chi stanzia certe cifre. Tutto in famiglia?
      Cri

      Elimina
  2. Non guardo la Rai da anni, e a quanto pare faccio bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche tu non scherzi a masochismo : sorbirti "venerdì 13"....

      Elimina
  3. Ho visto il film in due puntate perché la storia mi interessava (è stata anche uno degli argomenti della mia seconda tesi). Che dire, la Rai non osa più di tanto, sfornando un prodotto che non si allontana da Don Matteo.
    Specie nella seconda puntata, dove vengono messe in risalto le scene di vita quotidiana (maccheroni, figliolanza, partita di calcio ecc) piuttosto che il racconto vero e proprio.
    Quel che penso io? Sia Pinelli che Calabresi sono state due vittime del sistema, della strategia del terrore (o dell'orrore?), finiti loro malgrado in ingranaggi più grandi.
    Solfrizzi mi è piaciuto, e anche Calabresi (Paolo, ossia Pinelli... vedi tu che gioco del destino!)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non si può dire che Solfrizzi abbia mai ricordato Laurence Olivier, ma in questa fiction era un baccalà, Oltretutto, quei capelli del genere 'scalpo di Berlusconi', erano orripilanti.
      Cri

      Elimina
  4. Quello fatto dalla Rai è puro revisionismo storico e ancora oggi molti aspettano giustizia.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  5. Non l'ho visto, perché raramente accendo la tv, Ma meglio così, mi sarei arrabbiata.

    RispondiElimina
  6. c'è un articolo del figlio, misurato, nelle lettere della Stampa di ieri mi sembra. Correttamente la famiglia non ha voluto entrare nell'operazione. Non l'ho visto neanche io, ma certo che il commissario rappresentato come un 50 pensieroso, mentre ne aveva 34 e probabilmente un altro carattere lascia perplessi, al di là delle verità storiche.

    RispondiElimina
  7. Non ho visto lo sceneggiato ma ho vissuto,militavo nella sinistra extraparlamentare, in prima persona quei tragici eventi.Il dott.Calabresi in quei giorni era un personaggio chiacchierato ,per i suoi metodi e le sue simpatie politiche.Certamente non meritava di morire,riposi in pace.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
  8. Non l'ho vista
    A me piacerebbe di più sapere cosa ne pensa il figlio di Pinelli

    RispondiElimina
  9. Mi accusano di essere una snob....ma ho smesso di vedere rai e mediaset ormai da molto , molto tempo.....solo a Natale , in preda allo spirito Natalizio e al fascino imperituro di Tolstoj ho visto la seconda puntata di "Anna Karenina" e me ne sono pentita amaramente .....spero di non ricadere una seconda volta

    RispondiElimina

commenti