venerdì 7 giugno 2013

Ricordate Christiane F. ?

Christiane F. - Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino 


Ora c'è la versione  " Uomini, noi derelitti dello zoo di Amburgo"

le 14 persone che fanno parte dell’insatallazione sono principalmente senzatetto, punk, richiedenti asilo, disoccupati, ex galeotti e padri separati. Fino al 15 giugno, queste persone, dalle 18 alle 22, passano in tempo rinchiusi in celle di 3 metri quadrati, ognuna arredata con piante, sedie, tv . Se qualcuno di loro dovesse avere la necessità di andare al bagno, vi ci verrebbe trasportato con un’apposita gabbia ambulante.
LO SCOPO - Vogliamo che gli emerginati vengano considerati maggiormente” ha detto l’organizzatore del festival Simon Steinhauser. Per Stephan Lau, punk e parte dell’installazione vivente “gli sguardi stupiti della gente sono il mio pane quotidiano”
LE CRITICHE - Max Straubinger, portavoce  del CSU (Christlich-Soziale Union) ha riferito al Bild: “questa manifestazione lede la dignità dell’essere umano. Ridicolizza il sussidio di disoccupazione. Chi dipinge così negativamente uno aiuto finanziato da chi paga le tasse è in malafede”.
Dove finisce l’arte e dove comincia il cattivo gusto? Durante il festival teatrale di Amburgo “Kampnagel” le persone sono chiuse in gabbia come animali. I visitatori dell’insatallazione “Zoo 3000: Occupy Spezies” pagano 3 euro di entrata e danno bibite, noccioline e mozziconi di sigaretta
Herr Straubinger afferma che lede la dignità umana, ma quale dignità, quella degli homeless?,Evidentemente il sussidio di disoccupazione è ridicolo. Siamo sempre lì, le tasse, che le aumentino ai ceti più abbienti.
Conclusione : non mi sembra una manifestazione di cattivo gusto, non fa che rispecchiare una certa realtà e sarebbe  in malafede  chi la negasse.. Cosa ne pensate?














Condividi e VOTA questo articolo

condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews

12 commenti:

  1. In pratica è la riproposizione pari pari di un romanzo a fumetti sceneggiato da Pennac e disegnato da Tardì, se non ricordo male tradotto in italiano da Benni (non giurerei su quest'ultima informazione). Si chiamava "Gli esuberati" ed era un pugno nello stomaco di grande efficacia e edito in tempi assolutamente non sospetti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giò,mi piacerebbe sapere qualcosa di più su 'Gli esuberanti'.
      Cri

      Elimina
    2. Ne ho una copia al mare che mi è stata regalata moltissimi anni fa. Credo comunque che si possa trovare facilmente in quelle librerie che hanno un buon settore di editoria a fumetti, ormai è un classico alla stregua delle cose di Pazienza. Se però vuoi informazioni più precise vai qui
      http://www.wheelingpaths.com/index.php/collezionismo/collfumetti/101-gli-esuberati.
      Buon fine settimana!

      Elimina
  2. Meraviglioso mondo della riforma protestante, il suo leggere realtà, il non mentirla
    O cara Hamburg, i suoi tramonti estivi d'una luce che taglia lunga e che disegna, quanto tu mi manchi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei nostalgico, Paolo, ma fammi capire , cosa c'entra Bosch?
      Cri

      Elimina
    2. Se te lo leggi bene te lo vedi lo zoo ch'egli racconta, che ha dipinto

      Elimina
  3. Un post che qualcuno troverà da dire.
    Io invece ti lascio un buon fine settimana cara Cristiana.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molti troveranno da ridire, specialmente gli struzzi.
      Cri

      Elimina
  4. Ogni forma d'arte dove si denuncia la condizione dell'uomo è sempre vista come il fumo negli occhi dai benpensanti bigotti e da quei politici reazionari.
    Potrà non piacere a tutti ma tutti saranno costretti a pensare a loro.
    Lorenzo

    RispondiElimina
  5. Sono più che d'accordo con te sul fatto che le imposte vadano aumentate ai più ricchi.

    RispondiElimina

commenti