martedì 14 maggio 2013

PILU

Chi ha una spanna di pelo sullo stomaco.....


I protagonisti. La faccenda ruota intorno a Villa San Martino ad Arcore, ex convento rinascimentale, per secoli appartenuta alla famiglia Casati Stampa Soncino, 145 stanze con relativi arredi, collezioni pregiate di quadri e libri, ettari di parco con rarità di flora e caprioli al pascolo. Ne è proprietaria una ragazzina di 19 anni, Annamaria Casati Stampa, rimasta orfana all’improvviso il 30 agosto 1970 quando il padre, il marchese Camillo, uccide la moglie Anna Fallarino sorpresa con l'amante.
 Annamaria resta unica erede, ha 19 anni ed è minorenne e un patrimonio  pari a due miliardi e 403 milioni di lire tra beni mobili e immobili e gioielli, che diventano un miliardo e 965 milioni al netto di debiti e tasse. Decide di lasciare l’Italia e lo scandalo, va a vivere in Brasile e il 27 settembre 1972 affida i suoi beni al vice tutore, l'avvocato Cesare Previti ed è a lui che Annamaria dà  l’incarico di vendere Villa San Martino «con espressa esclusione degli arredi, della pinacoteca, della biblioteca e delle circostanti proprietà terriere».
Pochi mesi e l’acquirente si materializza nei panni di Silvio Berlusconi. Mediatore è Previti. Il prezzo pattuito 500 milioni, tutto compreso, anche quello che l’erede aveva esplicitamente escluso dalla vendita, terreni e annessi, pinacoteca e biblioteca. In Inchiesta sul signor Tv (Guarino e Ruggeri, Kaos editore), il libro che più di tutti ha indagato sulla vendita della villa e i cui autori nel 2000 hanno vinto la causa per diffamazione avviata nel 1994 da Previti, si dice chiaramente che 500 milioni sono nulla per una villa settecentesca di 3500 metri quadrati. Nel libro si parla di «raggiro». In più momenti. Il primo: Berlusconi dilaziona il pagamento fino al 1980 (atto di cessione il 2 ottobre) ma Annamaria Casati continua a pagare le tasse. Il secondo: il 4 maggio 1977 nasce l’Immobiliare Idra, spa della già affollata galassia berlusconiana, che ancora oggi gestisce almeno dodici dimore del premier tra cui Arcore, Villa Certosa e Macherio. Bene; nel cda di Idra siedono da subito Umberto e Cesare Previti. Idra otterrà dalle banche due superfinanziamenti sulla villa di Arcore appena pagata mezzo miliardo a rate: oltre 7 miliardi subito rigirati alla Cantieri Riuniti, società di Berlusconi, più altri 680 milioni.  Arcore poi è diventata quello che tutti sappiamo: il rifugio del Presidente, la cabina di regìa degli alleati di governo, dimora vincolata dal segreto di Stato, custode di un mausoleo e di più grandi segreti. Si dice, anche, della longevità.    l'Unità 2009 Claudia Fusani

Una dimora con uno strano destino: da teatro di una vicenda passionale con delitto, a palcoscenico di 'burlesque, lap dances, spogliarelli, incontri ravvicinati su letti e lettoni 'putinesci, bungabunga. 

Il PDL : Vogliono fare fuori Silvio Berlusconi
Il presidente della commissione Giustizia del Senato, Nitto Palma, dopo la richiesta di condanna a 6 anni per l'ex premier: "Sarebbe il primo caso nell'Occidente di un leader politico eliminato per via giudiziaria".

Non considera che in Europa e in tutto il mondo occidentale, nessun altro Paese si è scelto un Presidente del Consiglio invischiato in loschi affari prima di 'scendere in campo',  sceso in campo proprio perchè, molto previdente, si è voluto parare il fondo schiena, da indagini giudiziarie che sentiva ormai alle calcagna, attraverso leggi ad personam  e cancellazioni di reati dal Codice Civile. 







Condividi e VOTA questo articolo

condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews

12 commenti:

  1. mi ricordo che era stata pagata con azioni di una società poi fatta fallire. Forse sbaglio?

    RispondiElimina
  2. storie di cui ben pochi sono al corrente...un saluto.

    RispondiElimina
  3. Molto bello il tuo nuovo blog.

    Non conoscevo tutte le notizie proposte...

    RispondiElimina
  4. Ma guarda che faccia di bronzo ha il Nitto, ha perso non una ma mille occasioni per starsene zitto.



    ps.Cristia', il pincocrei non vuole saperne di entrare nell'elenco blog, allora sono tornato su Cristiana 2011 e t'ho beccato. Misteri della blogosfera.

    RispondiElimina
  5. conoscevo la vicenda della villa che è comunque in linea coi personaggi. adesso berlusconi sarà nominato senatore a vita dall'amico napolitano che ha già la nomina nel cassetto poi ormai intangibile fqartà cadere il governo diventerà primo ministro grazie alla coglioneria dell'italiano medio, dopo di che l'amico napolitano, che dopo l'invasione del palazzo di gistizia a milano invece di sbattere in galera alfano e accoliti vari li ha sdoganati piegandosi al ricatto del loro padrone, si dimetterà e berlusconi diventerà pèresidente della repubblica (il progetto è questo90 ovviamente con la benedizione di bersani dei due letta e di grillo che a furia di fingersi una verginella ha praticamente costretto (se ce ne fosse stato bisogno) il pd a darsi ostaggio del pdl. e che grillo sia sul libro paga di berlusconi è evidente: prima delle elezioni c'è stato il famoso abboiccamento tra i due da cui grillo è uscito facendo l'indiognato. peccato che poi ha sequestrato i voti che gli erano stati dati per evitare un'altra vergogna simile impedendo la nascita di un governo senza pdl, si è invcazzato come una iena quando il senato non è andato a schifani e in più come lega e berlusconi tiene in ostaggio dei cervelli acefali che non capiscono il suo gioco.

    RispondiElimina
  6. E ancora dicono che - prima della "discesa in campo" - fosse una verginella!

    P.S.1: ho visto il nuovo post solo perché mi sono isctitta alla mail. Né Google Reader né Feedly ti segnalano.

    P.S.2: hai duplicato il paragrafo che inizia con "Pochi mesi...".
    Deformazione professionale...

    RispondiElimina
  7. Preparazione vera della discesa in campo? :))

    RispondiElimina
  8. Carissima Cristiana!!
    Ora riesco a leggerti! Perdonami, ho letto il tuo messaggio sul blog di Kylie e sono corsa a provare se riuscivo ad entrare.
    Dopo i vari problemi col mio blog non son più riuscita ad aprirne alcuni (molti), tra cui anche il tuo. Purtroppo non riesco nemmeno ad iscrivermi per seguire i blog... un caos insomma. Però eccomi qui.
    Spero che tu stia bene, mi sei mancata!
    Bacioni!
    Dona Flor, ora solo Flor.

    RispondiElimina
  9. E questa mattina, mentre bevevo il mio cappuccino seduta nel mio fazzoletto di giardino (circa 20 metri quadrati), sento uno spezzone di discorso di uno dei miei vicini che parla con un altro..."...Con 'sta storia dei processi...ma chi se ne frega se è colpevole o no, ...saranno fatti suoi. A noi interessano altri problemi...". Mi è andato di traverso e sono rientrata in casa.
    NON CE LA PUO' FARE QUESTO PAESE, CRI!

    RispondiElimina
  10. Cara Cristiana, sai sono stato all'adunata degli alpini a Piacenza e sono stato molto occupato. Tutto quanto che hai scritto, mi pare di aver sentito vagamente questa storia.
    Credo che ora ogni nodo arriva al pettine, ed è giusto che chi imbroglia paghi!!! Ciao e buona serata cara amica.
    Tomaso
    Vedo che hai l'odiosa parola!!! Ora ci provo! Ti prego togliela!!!
    Tomaso

    RispondiElimina
  11. P.S.: bello qui! Molto veloce l'apertura!
    Però ti sei accorta di avere l'odioso CAPTCHA nei commenti? Sei una GRANDE se lo togli!
    Io sono tornata...anche se...pianin-pianino.

    RispondiElimina
  12. Se a questo signore tolgono ciò che ha illegalmente guadagnato, lo riducono con le pezze al culo.

    RispondiElimina

commenti