martedì 21 maggio 2013

Solo su Libero....


Ruby è proprio come Audrey, usa il sorriso in cerca di riscatto

Furba e disincantata, Karima incarna l'eterno modello della ragazza che ha fretta di dimenticare da dove viene. Signora Boccassini, si riguardi "Colazione da Tiffany"
 Andate a vedere cosa si nasconde sotto gli occhiali scuri di Holly, scrutate cosa c'è oltre lo sguardo da cerbiatto di Audrey Hepburn e ci trovate il volto sfatto di certe notti senza fine, ci trovate una ragazza cinica e furba in fuga dalla provincia, e la paura di una vita randagia, e la voglia di dare scacco al destino per quelle carte sbagliate pescate all'inizio del gioco. E la voglia di sicurezza, quella che arriva solo dai soldi e il lusso e i gioielli e a ramengo tutto il resto, costi quel che costi. La verità? Sotto gli occhiali di Holly c'è Ruby Rubacuori. di 

Sì, neanche Holly non era una santarellina       -"Ella era alla ricerca del suo posto nel mondo, un posto come la gioielleria Tiffany, dove si sarebbe sentita protetta e al sicuro e avrebbe smesso di avere quelle che chiama le sue "paturnie"- Questo raffronto mi sembra moltoo       azzardato , vuoi mettere la classe e  il  fascino di Holly!  Paragonare Ruby ad Holly e come paragonare certi nudi di donna di Egon Schiele alle Madonne di Antonello da Messina, la moda trash alla sobrietà di Valentino, Spoon River alle 'OSTERIE 123...'.
Al massimo potrebbe interpretare un film dal titolo "Culazione da Tiffany





Condividi e VOTA questo articolo

condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews

17 commenti:

  1. Leggi ancora Schiavo? Io non lo cago più di striscio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se intendi " Il giornale " o " libero " , mai letti, ma su internet si trovano questi pezzi assurdi.
      Grazie della visita.
      Cri

      Elimina
  2. Ahahahhahha ! Inarrivabile ! Ma chi glieli scrive i testi a costui ?

    RispondiElimina
  3. Senza parole...non so se ridere o piangere...

    RispondiElimina
  4. Un paragone un tantinello (s)confusionato,direi.Però non tutti quelli con la "gobba" possono essere l"'Infinito" in assoluto,neh?! Mah! C'è proprio posto per tutti.Ciao,Mirka

    RispondiElimina
  5. E non tutti i direttori di giornali possono essere liberi.
    Cri

    RispondiElimina
  6. Assolutamente d'accordo con la tua staffilante osservazione.

    RispondiElimina
  7. Egon Schiele il magnifico; e la sua punta di matita acuta e straziante, stiletto che penetra spietato dentro la carne che allora si racconta, allora dice di quell'illeggibile ch'essa si porta sulla pelle e lo porge piangendosi
    Quale il bisogno d'impossibili accosti?

    Ci sono anche i landsknechten: è un'altra cosa

    Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lungi da me l'idea di mancare di rispetto al grande Egon.
      Il fatto è che Ruby mi ricorda uno di quei nudi a gambe aperte.
      Cri

      Elimina
  8. Con che faccia uno osa tanto?!
    Questo è un mistero... o demenza...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con la faccia dei imbrattata dei lecchini del Boss.
      Cri

      Elimina
  9. Ma davvero??? Mi sa che mi debbo rivedere il film... me lo ricordavo diversamente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io allora non colsi il lato 'zoccolesco' di Holly.
      Ingenuità d'altri tempi?
      Cri

      Elimina
  10. E questi giornalisti hanno anche il coraggio di dire a un magistrato" si guardi colazione da Tiffany"
    Siamo ormai da tempo, da quando è in auge berlusconi e un certo tipo di italiano, mediocre e incolto,è di moda parlare così per dire. E' più importante costruire una frase di effetto che non la sostanza delle cose.
    A Vittorio Macioce consiglio invece di leggere un'opera di J.Locke, il quarto libro del Saggio sull'Intelletto umano, quello intitolato:"La certezza e l'estensione della conoscenza umana, ed insieme i fondamenti e i gradi della credenza, dell'opinione e dell'assenso" ;)

    Lorenzo

    RispondiElimina

commenti